Due ruote di piacere

Se il tempo tiene, proponiamo un lungo weekend al bike hotel Vitalpina Pfösl a Nova Ponente o nell’oasi naturale del Delta del Po con Jonas

di Maria Pinacci

 

 

In Val d’Ega, al bike hotel Vitalpina Hotel Pfösl

Bicicletta e benessere vivono in simbiosi nei Vitalpina Hotels in Alto Adige (www.vitalpina.info). L’autunno con i suoi boschi dai fiammeggianti colori è ideale per pedalare lungo i tanti sentieri ben tenuti che partono da Nova Ponente, antico villaggio altoatesino della val d’Ega. Per la delizia dei ciclisti, oggi c’è la possibilità di pedalare senza temere faticose salite. Basta inforcare una e-bike, sapere stare in sella, e avere un minimo di allenamento. La Val d’Ega è l’ideale: grandi prati intorno, masi qua e là, dove fermarsi per uno strudel con panna fresca, il gruppo del Latemar sullo sfondo. Al Pfösl (www.pfoesl.it), quattro stelle S, la bici è di casa. Ivan (rent a bike) la porta sulla porta dell’albergo e Eva Zelger, una delle due sorelle proprietarie, accompagna gli ospiti nei dintorni o consegna una mappa con i sentieri ben tracciati. Decidiamo di andare al Maso Laab, 500 metri di dislivello. In un’oretta siamo su, pronti a gustarci una kaiserman, la frittata ai mirtilli dell’imperatore Francesco Giuseppe. Al ritorno ci attende la magnifica Spa del Pfösl, ristrutturata nel 2017, come tutto il piacevolissimo albergo. Saune interne ed esterne, bagni di fieno, percorsi Kneipp e quant’altro. E l’imbattibile piscina a sfioro con vista Latemar.

 

 

Un lungo weekend nel parco del Delta del Po

E’ una delle tante proposte invernali di Jonas by Circolo Viaggi (www.jonas.it,)tour operator vicentino specializzato in itinerari ciclistici durante tutto l’anno. Si pedala con un esperto del territorio alla scoperta della flora e della fauna locale, seguendo percorsi tra risaie, valli e lagune, ideali per gli appassionati di bicicletta. Si percorre l’Anello della Donzella, si visita il Museo Regionale della Bonifica Ca’ Vendramin, per seguire poi l’argine del Po di Gnocca. Si scoprono gli orti d’acqua della Sacca degli Scardovari, dove si allevano cozze e vongole. Tra le pedalate più belle, quella sull’argine del Po di Maistra, fino a raggiungere la Via delle Valli e Porto Levante. L’ultimo giorno si va verso la foce, si parte in bici per tornare in barca, scivolando tra canneti e silenziose lagune. Prezzo: 360 euro a testa in doppia in hotel 3 stelle mezza pensione, escluso il viaggio per arrivare.

 

 

 

Download PDF