Malaga non solo per turismo

Una bella città dove trascorrere liete vacanze con un occhio alla cultura e l’altro al relax, ma Malaga è anche un posto dove trasferirsi e cambiare vita

a cura di Rosanna Fudoli

 

Nell’immaginario collettivo se si fantastica di cambiare vita e trasferirsi in un luogo dove il clima è mite, le primavere non finiscono mai, vicino all’Italia e dove non ci sono problemi di lingua… in molti pensano a Tenerife, o alle Canarie in genere. Beh bisogna ricredersi e trasferire i propri pensieri sulla Costa del Sol… si va a Malaga.

 

Che bella cittadina, aveva ragione Picasso….

Qui si vive un’eterna primavera, la gente è cordiale e simpatica molto aperta e pronta ad accogliere il turista come un amico. Il mare sì, ma anche la città con tutto quello che può offrire, vicina per raggiungere in escursione di uno o più giorni Siviglia, Granada, Ronda, Gibilterra… ma anche col trenino veloce Torremolinos e le varie località di mare vicinissime alla città.

E poi le passeggiate infinite tra i vicoli e le belle strade del centro storico, lo shopping sfrenato nei mille negozi in città e nella zona del mall, le lunghe camminate dentro il Parco Botanico che a Malaga si snoda in orizzontale e ingloba la ciclabile correndo parallelo al mare… e poi il mare. La zona del porto, sempre piena di gente e dove trascorrere ore liete semplicemente a vedere i turisti passare, sorseggiando qualcosa nei tanti bar e locali, pigrando al sole. Magari nella zona dedicata agli artisti dove si svolgono mostre temporanee all’ombra del Centre Pompidou…una birretta mentre dal palco un dj ti trasforma l’aria in musica. E poi la spiaggia, lunga striscia dorata costellata di chiringuito dove degustare gli spiedi di sardine e la sangria.

Si, abbiamo cambiato idea, ci trasferiamo a Malaga.

 

Ma in attesa del trasloco, cominciamo a conoscere meglio la città che ha dato i natali al genio, e proprio da qui, dalla Piazza de la Merced sotto casa di Pablo Picasso, cominciamo la nostra visita gironzolando al sole.

Si, il sole… il caldo… la costante di questa bella e luminosa città andalusa.

 

La Casa natale di Picasso è molto interessante vale la visita, qui nel 1881 nacque il celebre artista, ora è Fondazione e poi c’è il Museo www.fundacionpicasso.es la sua vita e le sue opere si incontrano sia nella Casa che nel Museo, che ospita anche mostre temporanee a lui legate e collegate www.museopicassomalaga.org; comode le audioguide anche in italiano. Quando ci siamo stati noi abbiamo potuto godere di una mostra su Federico Fellini ed i suoi tanti rapporti “onirici” con l’amico spagnolo. Sempre dalla stessa piazza dove è d’obbligo una foto seduti accanto all’artista, ogni mattina partono le visite guidate della città, così come in altre piazze di Malaga, purtroppo non in italiano, ma in spagnolo, inglese e tedesco. Sono ad offerta libera e tenute da guide e studenti dell’università. Si può anche prenotare una visita privata ed allora si potrà avere anche in italiano. All’ufficio del turismo (parecchie sedi dislocate in città ed in aeroporto), l’elenco delle zone da dove partono i tour e le varie informazioni, come su http://www.malagaturismo.com/it le visite possono essere realizzate a piedi, in bici o in segway.

 

Molte le cose da vedere, conviene fare subito il tour in modo da avere un’idea in generale e segnandosi sulla cartina le varie “attrazioni” poi andare ad approfondire in base alle proprie predilezioni.

Dalla Malaga medievale a quella araba, al Barocco; la città ha subito tante trasformazioni e cambiato molti “abiti”, tantissime quindi le chiavi di lettura per scoprire la città andalusa; i tour possono essere legati alla storia, ma anche alla gastronomia o alle feste e tradizioni.

Sicuramente un saltino all’Alcazaba ed alla Cattedrale, poi i vari Musei dislocati ovunque ed i tanti mercati dell’artigianato che si svolgono in giorni diversi nei vari quartieri.

 

Nella zona della Malagueta e del Paseo Marítimo, passeggiate a non finire per godersi l’aria di mare ed il sole, ma se siete interessati all’arte moderna e contemporanea fate un saltino al Centre Pompidou Malaga www.centrepompidou-malaga.eu tante le collezioni e mostre temporanee. Proprio sotto, uno spazio all’aperto dedicato a giovani artisti emergenti e la possibilità di ascoltar musica o leggere un libro sorseggiando qualcosa.

Avere il mare in città è una bella comodità lo raggiungi a piedi o in bici e ti godi un po’ di tempo all’aperto tra un museo ed un’escursione.

Tantissimi poi gli eventi organizzati in città sia culturali che sportivi, e gli itinerari dedicati alle famiglie con bambini come a romantici visitatori o gruppi di amici allegroni.

 

Nelle varie viuzze del centro ma anche sul mare l’abbondanza di ristoranti e luoghi per degustare pietanze tipiche di vario genere è incredibile, ovunque cucine di tante nazionalità diverse e le onnipresenti tapas… scorpacciate a tutte le ore, meno male che si cammina molto…

Tra i tanti ristoranti per trascorrere sere gastrointeressanti noi siamo stati da El Jardin  per serate di tango e flamenco, all’Antica Casa de Guardia per tuffarsi in un ambiente storico, da El Chinitas per cenette romantiche…ma c’è veramente l’imbarazzo della scelta.

 

Informazioni su cosa vedere e dove andare a Malaga su http://www.malagaturismo.com/it Il periodo? Manco a pensarlo, tutti i mesi dell’anno, soprattutto quando in Italia la nebbiolina ed il freddo ti entrano nelle ossa e nell’anima.

 

 

Per l’alloggio, anche qui ovviamente c’è l’imbarazzo della scelta, appartamenti, B/B ed hotel sono ovunque e di tutte le categorie, se si preferisce godere la città e le sue attrazioni in pieno conviene stare in centro, se si predilige il mare e la vita notturna meglio le zone più vicine al Paseo Marìtimo. Noi abbiamo alloggiato in centro, andando soprattutto nei mesi invernali senti meno l’arietta del mare che vivendo all’aria aperta tutto il giorno in alcuni momenti può essere forte, il Gruppo Room Mate Hotels ha pienamente soddisfatto le nostre esigenze. Una filosofia che abbiamo abbracciato subito, l’albergo è casa tua per il periodo in cui ci vivi, deve essere confortevole e pratica. L’apparenza molto friendly si abbina ad ottime prestazioni in termini di efficienza e manutenzione. Di particolare struttura ed arredamento gli alberghi sono di design e siti in posti strategici.

A Malaga, Larios Room Mate, è un hotel in pieno centro arredato in Art Déco e vicino al museo Picasso. Dalla terrazza attrezzata sul tetto, oltre a poter avere un magnifico panorama della città si possono vivere i tanti eventi organizzati, e d’estate, un drink al sole è molto gradevole. E poi si affaccia sulla strada pedonale Calle Larios… tutta negozi e angolini da scoprire.

Scopri chi è Larios…

Valeria Room Mate, è un boutique hotel ispirato ai lussureggianti giardini cittadini, dove colori, vegetazione ed armonia si fondono, in maniera ecclettica, nelle 61 camere. D’estate comoda la piscina, in inverno il cortile fiorito è un punto fermo nell’idea di relax. Ha la palestra ed è più vicino al mare. Scopri perché si chiama Valeria…

 

Room Mate Hotels presente in parecchi Paesi europei e non, tra non molto arriverà anche in Italia; la Catena ha sviluppato il concetto di lusso accessibile, in ambienti di design, comfort e servizio cordiale in luoghi e con un costo alla portata di molti. Wi-Fi gratuito della struttura che ti segue in tutta la città e la possibilità di usufruire della prima colazione fino alle ore 12, sono solo alcuni degli esempi di “comodità” di questi alberghi https://room-matehotels.com/it/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Download PDF