Gastroviaggiando

Golosità italiane e mondiali: dall’Alto Adige dei piaceri cuinari del Bad Moos al Dubai Food Festival, passando per i vini migliori d’Italia del Lago di Garda e toscani

di Franca Dell’Arciprete

 

In Alto Adige al Bad Moos piaceri culinari per le vacanze di Pasqua

L’inverno volge al termine ma il divertimento è solo all’inizio! Tante sono le proposte infatti per questi ultimi mesi di stagione al Bad Moos – Dolomites Spa Resort di Sesto, nella magica Val Fiscalina. Offerte per tutti i gusti, per chi ama trascorrere giornate intere nella Spa, per chi al contrario ha sempre gli sci ai piedi e ancora per chi cerca il divertimento negli altri sport che la stagione offre, dallo slittino alle ciaspole, alle arrampicate su ghiaccio.

La stagione invernale si conclude con la settimana dedicata alle festività pasquali. Chi vuole trascorrere la Pasqua in montagna, ammirando gli ultimi panorami innevati e approfittando dell’ottima cucina del Bad Moos, può scegliere le “Settimane speciali in inverno”, valide dal 4 marzo al 3 aprile 2018,

Il Bad Moos coccola i suoi ospiti fin dal primo mattino con una ricca colazione a base di prodotti locali a km 0 e fatti in casa. Tra questi: le torte allo yogurt, al cioccolato e alle noci, müsli, yogurt naturale, i caratteristici Waffeln e ancora il miele naturale preso direttamente dal favo, che mantiene così tutte le proprietà nutritive. Nel pomeriggio una tipica merenda altoatesina è a disposizione, con un piatto caldo preparato al momento, scelta salata con salumi e formaggi, selezione di dolci e bevande. Prodotti artigianali a km0 e di qualità certificata si trovano anche nel menu della cena gourmet, con diversi tipi di pasta fatta in casa, come i maltagliati, le pappardelle, le tagliatelle e i ravioli caserecci, il pane artigianale e ricette che spaziano dalla tradizione altoatesina alla cucina internazionale. Il tutto accompagnato dagli eccellenti vini altoatesini.

www.badmoos.it

 

XI edizione di Terre di Toscana: 130 grandi vignaioli toscani ed oltre 600 vini

Torna uno degli eventi più attesi nel panorama nazionale, Terre di Toscana, la grande kermesse dedicata alle eccellenze dell’enologia toscana.

Il 2018 segna la sua XI edizione, con un format vincente rimasto a caposaldo della manifestazione: 130 produttori personalmente presenti con le loro migliori etichette, schierati ai banchi di assaggio per raccontare la propria storia, il presente ed i progetti futuri. Due i giorni a disposizione per poter degustare gli oltre 600 vini presenti nei luminosi spazi dell’Una Hotel Versilia di Lido di Camaiore: domenica 4 e lunedì 5 marzo.

Le cantine partecipanti, accuratamente selezionate dall’organizzazione, offriranno l’opportunità di effettuare un viaggio davvero speciale alla scoperta dei più importanti distretti vitivinicoli regionali, vecchi e nuovi.

Si potranno così scoprire denominazioni storiche come Brunello di Montalcino, Chianti Classico, Vino Nobile di Montepulciano, Vernaccia di San Gimignano, oppure assaporare le meraviglie di un lembo di terra che ha saputo spiccare il volo, Bolgheri, per poi scendere a sud per conoscere i vini e gli interpreti della Maremma.

Spazio anche a denominazioni più piccole, ma non certo di minore appeal, come Montecucco, Val di Cornia, Val d’Orcia, Cortona, le Colline lucchesi, pisane e massesi, ed anche a quelle non comuni, e per questo ancora più intriganti, come Mugello, Casentino e Versilia.

A tema food imperdibile l’appuntamento con Golosizia, evento nell’evento dedicato ai grandi chef della ristorazione toscana, che intratterranno i presenti con sfiziosi cooking show, presentati dal giornalista Claudio Mollo.

Terre di Toscana, con il Patrocinio del Comune di Camaiore, è un evento ideato e organizzato, con immutato entusiasmo, dalla squadra di Acquabuona.it

www.acquabuona.itwww.terreditoscana.info

 

Anteprima Chiaretto: a Lazise il rosé delle due riviere del lago di Garda

La Dogana Veneta di Lazise si prepara per la decima edizione di Anteprima Chiaretto. Domenica 11 e lunedì 12 marzo 2018 il Consorzio Tutela del Chiaretto e del Bardolino, in collaborazione quest’anno con il Consorzio Valtènesi, porta in riva al lago di Garda più di 80 produttori con circa 140 vini per presentare l’annata 2017 del Chiaretto prodotto sulle due riviere, quella veneta e quella lombarda.

“Insieme, il Chiaretto di Bardolino e il Valtènesi Chiaretto – spiega Franco Cristoforetti, presidente del Consorzio di tutela del Chiaretto e del Bardolino – sfiorano i 12 milioni di bottiglie, collocando il lago di Garda nel ruolo di leader assoluto nella produzione italiana di rosé a denominazione di origine. Quest’anno abbiamo voluto unire le forze delle due riviere gardesane all’insegna di uno stile territoriale unico nel panorama dei vini rosati italiani. Uno stile che trova fondamento nei suoli morenici che accomunano le due sponde del lago, nel clima mediterraneo del nostro territorio e anche nella disponibilità di uve autoctone naturalmente vocate alla vinificazione in rosa, come la corvina veronese per il Chiaretto di Bardolino e il groppello per il Valtènesi Chiaretto. È una collaborazione che i nostri due consorzi intendono rendere sempre più solida, ricercando future alleanze anche con le altre aree italiane storicamente orientate alla produzione di rosati da uve autoctone”.

www.anteprimachiaretto.it

 

Ritorna il Dubai Food Festival: un primato come destinazione gastronomica

Dubai Tourism firma anche l’edizione 2018 del Dubai Food Festival: fino al 10 marzo il protagonista indiscusso sarà il cibo in tutte le sue declinazioni e varianti etniche.

Con il suo diverso mix di nazionalità e culture, la sua collezione sempre più ricca di ristoranti stellati e il suo sempre più coinvolgente Food Festival, Dubai sta rapidamente diventando una top destination gastronomica per provare cucine e sapori provenienti da tutto il mondo. La presenza di oltre 200 nazionalità regalano al panorama culinario altrettante sfumature sia in fatto di sapori che di design.

Oltre al numero crescente di chef famosi e ristoranti stellati, un altro fattore fa di Dubai una destinazione per veri foodies (e non solo): il crescente numero di tè, coffee shop di tendenza, negozi gourmet, ristoranti sulla spiaggia, salad bar, healthy food shop.

Luogo d’incontro per eccellenza fin dalla prima edizione del Festival nel 2014, Beach Canteen ha saputo riunire le migliori realtà culinarie della città. Assaporare piatti provenienti da tutto il mondo, sulla spiaggia e in una location colorata e festosa come Beach Canteen è davvero da non perdere. Per 17 giorni si rincorrono buon cibo, un calendario ricco di attività, mercatini vintage, concerti dal vivo, classi di fitness e molto altro.

Avventurarsi nelle strade dei vibranti quartieri di Deira, Satwa e Karama dà la possibilità di immergersi nelle diverse culture che coesistono in armonia in città.  Dubai Tourism ha voluto puntare sui quartieri più autentici e rivelare le loro “Hidden Gems”.

www.visitdubai.com

 

 

 

 

 

Download PDF