Camere da scoprire

Il fascino di Singapore

Ha 89 anni ma non li dimostra: inaugurato nel 1928 e all’epoca il più prestigioso edificio del fronte mare di tutta Singapore, con un imponente colonnato neoclassico di stampo palladiano, si trova oggi in po’ arretrato dalla costa, allo sbocco del Singapore River nel nuovo specchio d’acqua di Marina Bay presso il Merlion, la statua dalla testa di leone e il corpo di sirena che è l’amato simbolo di Singapore.

L’hotel si chiama Fullerton e prende il nome da Sir Robert, il primo governatore inglese degli Stretti: è stato per lungo tempo edificio amministrativo e sede della posta centrale, ha vissuto momenti importanti della vita politica del Paese ed è classificato dal 2015 come monumento nazionale.

Oggi è uno dei migliori alberghi del mondo nella Gold List di Condé Nast Traveler e si fa un vanto di questa eredità storica che ripercorre momenti importanti per la città: ad essi è dedicata una piccola galleria interna e quest’anno anche una mostra dedicata a Rodolfo Nolli, il decoratore milanese cui si deve lo stile italiano degli ornamenti, scultorei originali. Le camere sono 400 di 13 categorie diverse, comprese le grandi suite e i ristoranti sono cinque, aperti anche al pubblico esterno e capaci di far assaggiare cucina malese, cinese, giapponese, internazionale e anche cucina italiana al ristorante The Lighhouse, il faro, sopra l’ottavo piano dell’edificio dove una volta appunto sorgeva lo storico faro per le navi in arrivo.

The Fullerton Hotel, 1 Fullerton Square, Singapore

Tel. 0065 67338388

www.fullertonhotels.com

 

 

Una locanda per visitare Salisburgo

Puch bei Hallein è un paese alle porte di Salisburgo, da cui dista una decina di chilometri appena. Di fronte alla chiesa con il tetto aguzzo intorno alla quale, come di consueto, si raccoglie il villaggio, si trova la locanda tradizionale del paese, un tempo stazione di posta e punto di cambio dei cavalli, con alle spalle una storia di quasi cinque secoli: si chiama per l’appunto Kirchenwirt, che significa osteria della chiesa. L’edificio di tre piani mossi da tetti spioventi e balconcini, oggi ha l’aspetto del rifacimento integrale portato a termine degli anni ’50 del secolo scorso, ma la parte più antica rimasta, oltre ad alcuni muri, è la stube con soffitto in legno del ‘600. Con quaranta camere arredate in stile rustico e dotate di ogni confort compreso il wi-fi, la locanda ha mantenuto una dimensione familiare ed è gestita da un secolo dalla famiglia Rettenbacher.

Nelle stuben frequentate anche da clientela locale per la qualità della cucina, si servono gustose pietanze locali e ci si sente come a casa. L’albergo dispone di parcheggio privato e di una piccola zona wellness e Spa.

Uno dei punti di forza è la possibilità di raggiungere Salisburgo non solo in automobile, per strada statale o autostrada, ma con un quarto d’ora di treno a pochi passi dall’albergo o di autobus che ferma direttamente davanti, mentre la macchina resta comodamente ferma all‘hotel. Per visitare al meglio la città di Mozart, che offre una quantità di musei e di attrazioni turistiche tali da essere affollata in tutte le stagioni, è conveniente dotarsi della Salzburg Card, con ingresso gratuito nei musei cittadini, utilizzo gratuito della funicolare sulla Fortezza, della funivia sull’Untersberg, del battello sul fiume Salzach e dei mezzi di trasporto pubblici in centro, nonché agevolazioni per concerti, rappresentazioni teatrali e mete per escursioni nei dintorni.

Gasthof zum Kirchenwirt, Halleiner Landstrasse 28, Puch Bei Hallein, Austria

Tel. 0043 6245 83134

www.kirchenwirt.at

di Leonardo Felician

 

 

 

 

Download PDF