Gastroviaggiando

 

Un tour di golosità dall’Italia ai Caraibi. E qualche consiglio di galateo…

 

di Franca Dell’Arciprete

 

Fiera internazionale del tartufo bianco d’Alba: le radici del gusto
L’86ª fiera internazionale del tartufo bianco d’Alba sceglie l’albero come simbolo dell’edizione 2016, un tributo al mistero e al rispetto della natura che, attorno alle sue radici, genera il più prezioso frutto della terra. La Fiera di Alba è consacrata dal New York Times come evento “foodie” da non perdere e inserita dal Mipaaf, Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, tra le dodici principali manifestazioni nazionali. L’Albero dunque  come immagine e tema: dal progetto che, nei prossimi anni, trasformerà la Fiera in un evento «green» e sostenibile, al primo crowdfunding per tutelare le aree tartufigene del Piemonte; dalle iniziative che legheranno il design internazionale al Tartufo Bianco d’Alba, alla sua candidatura come Patrimonio Immateriale dell’Umanità Unesco; fino alle grandi mostre, le manifestazioni culturali, folcloristiche, musicali e quelle dedicate ai bambini. Dall’8 ottobre al 27 novembre due intensi mesi di eventi che valorizzano il Tartufo Bianco d’Alba nel pieno della sua stagione di raccolta e promuovono il territorio di Langhe, Roero e Monferrato in uno dei periodi dell’anno più vivaci dal punto di vista culturale, turistico ed enogastronomico. www.fieradeltartufo.org

 

 

Mortadellabò 2016: amore a prima fetta
Torna la IV edizione della festa della Mortadella Bologna igp. Dal 20 al 23 ottobre la Mortadella Bologna IGP sarà al centro di un ricco calendario di eventi che animerà le piazze e le vie principali di Bologna, all’insegna della cultura, della tradizione, dei profumi e sapori di questo inconfondibile salume. Bologna torna a tingersi di rosa: il Consorzio Mortadella Bologna dà appuntamento nel centro della città per una vera e propria festa del gusto, con un nuovo concept che permetterà di conoscere da vicino il valore della Mortadella Bologna IGP. Piazza Maggiore e Piazza Re Enzo saranno il cuore pulsante della manifestazione. Immancabile il “Ristorante in rosa”, dove 8 grandi chef, 4 dal territorio e 4 dal resto d’Italia, si sfideranno nella realizzazione di ricette tradizionali e innovative, valorizzando sempre la grande versatilità della Mortadella Bologna IGP. E poi sfiziosi “piatti da strada”, la “Panineria gourmet”, dove gustare la Mortadella Bologna IGP in abbinamenti inediti e sorprendenti proposti sempre da grandi chef. www.mortadellabo.com

 

Isole Vergini Britanniche: Rum-Tour e Food Festival
Le incantevoli spiagge delle Isole Vergini Britanniche sono il luogo perfetto in cui sorseggiare un rinfrescante cocktail tropicale. Splendide spiagge di candida sabbia, scogliere affioranti dal mare, lo scintillio dei raggi del sole su acque cristalline: le 60 isole che compongono l’arcipelago delle British Virgin Islands sono un vero e proprio paradiso terrestre. In più una piccola nota di colore, che lo renderà ancora più interessante: un bicchiere di buon rum. Il famoso liquore, ottenuto dalla distillazione della canna da zucchero, ha una lunga e gloriosa tradizione negli atolli caraibici; anche alle BVI, il rum è, a buon merito, l’ingrediente fondamentale per la preparazione di vari cocktail dal sapore intenso. Inoltre torna il 30 ottobre, il BVI food fête, la terza edizione del più celebre food festival delle Antille, un calendario ricco di eventi e competizioni tra top chef internazionali per scoprire il gusto autentico delle British Virgin Islands. Le celebrazioni poi culmineranno il 26 e 27 novembre con il popolare Anegada Lobster Festival. Tra gli appuntamenti salienti del festival, i visitatori ritroveranno la Barefoot Gourmet Soiree e il Taste of the BVI, che sarà caratterizzato dalle degustazioni delle migliori specialità di Tortola e Virgin Gorda. www.bvifoodfete.comwww.bvitourism.it

 

Le regole di bon ton più bizzarre per “mangiare” nel mondo
Sembra proprio che le regole di bon ton a tavola continuino a perseguitarci anche da adulti, specialmente in vacanza in un Paese straniero! E se è vero che, come emerge dal sondaggio di lastminute.com, il cibo è uno degli elementi chiave per la vacanza perfetta degli italiani (57%), unito a quello di viaggiare fuori dall’Italia (64%), c’è da scommettere che i nostri connazionali avranno molto da raccontare in fatto di strane regole scovate in giro per le tavole del mondo! Tra le 10 regole del galateo più strane da rispettare a tavola in giro per il mondo: mai tagliare l’insalata col coltello in Francia; gli anziani vanno serviti per primi in  Corea del Sud, nota per la sua forte cultura tradizionalista; mano destra obbligatoria in alcune regioni del Medio Oriente, dell’India e in alcuni Paesi africani; noodles “sonori” tra i giapponesi; finire una bottiglia può costarvene… un’altra  in Armenia, dove chi ha la sventura di prendere l’ultimo bicchiere di una bottiglia è obbligato a pagare la successiva. E ancora: mai chiedere sale e pepe in Portogallo, mai lasciare il piatto pulito in Cina, cappuccino solo a colazione in Italia! www.lastminute.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Download PDF