Milano 5 maggio: “La mia India” di Albi Pessani. Vernissage aperto al pubblico

Le venti tele ad acrilico presenti in mostra si concentrano in particolare sulla produzione artistica del 2011, offrendo così ai visitatori l’opportunità di conoscere la più recente evoluzione pittorica di Albi Pessani. Per lui dipingere un quadro significa far nascere un dubbio o innescare una passione.

 

Amante dell’India e della sua spiritualità, Albi, pur dichiarando evidenti riferimenti al surrealismo e alla metafisica, sviluppa in modo personale e mai banale tre tematiche fondamentali.

 

-La minaccia del consumismo e la difesa della spiritualità indiana affidata alle donne.

Sette tele, a volte provocatorie, a volte poetiche, piene di colori e di vitalità, illustrano il legame della donna con la natura e la tentazione consumistica che affascina gli uomini. Ecco, a questo proposito, le tre tele che ironicamente alludono a Ganesh, dio della prosperità, mentre lusinga gli uomini con i simboli del consumismo occidentale.

 

-Notturni induisti.

Sei tele, capaci di toccare corde surreali e oniriche, rappresentano le più note divinità dell’Induismo come apparizioni in cieli notturni, tra la luna e le stelle.

 

-Pescatori indiani

In queste sette tele, l’artista illustra la simbiosi millenaria tra i pescatori e il mare, eterna fonte di vita. Le luci dei quadri sono quelle calde dell’alba e del tramonto, in sfumature che passano dal rosa, al giallo, al viola. 

 

 

“LA MIA INDIA”

Aperto da lunedì a sabato dalle 10:00 alle 18:00

SPAZIO MAIMIERI – Corso Cristoforo Colombo 15, Milano 

Metro: linea 2, fermata Porta Genova

Per info: Tel. 02 87391016 – www.albipessani.it

 

 

a cura di Alberto Fontana

Download PDF